lunedì 14 luglio 2014

Lo stato attuale

Come avrete notato, l'attività sul blog è rallentata vistosamente. Un po' per la generale bonaccia che ciclicamente ci accompagna tra un gioco e l'altro, un po' per gli impegni di tutti i giorni che ormai occupano gran parte del mio tempo, la pubblicazione periodica di articoli singhiozza.

FAQ: Coso stai chiudendo? No, non ancora.

Perché il blog singhiozza? E' solo per questi motivi o c'è dell'altro? Lungo queste settimane ho rimuginato a lungo con spietata criticità sulla mia persona e sulla saga in generale, tirandomi fuori momentaneamente dal "flusso" per vedere il quadro generale nel suo insieme con più attenzione. Da fuori.

Sono arrivato a due conclusioni ovvie ma neanche tanto.

Conclusione 1: io, inteso come fan, sono cambiato
Mi sono avvicinato alla saga di Assassin's Creed che avevo 19 anni, neo-diplomato che calcava i suoi primi passi in ambiente universitario. Mi ritrovo quindi ad approcciare la saga in quella fascia di età compresa tra i 20 e i 30 anni in cui si maturano conoscenze, sensibilità e modo di vedere la realtà in maniera profonda, una fase in cui gusto estetico e forma mentis raggiungono un equilibrio che grosso modo ci si porterà appresso fino alla fine. Ora che ne ho 26, e che ho in saccoccia il bagaglio di esperienze maturate in questi 7 anni, effettivamente vedo l'oggetto di questo blog con occhi diversi. Obbiettivo primo del blog era quello di capire la trama a millesfoglie (come la torta di cui ho improvvisamente e senza alcun senso voglia) della saga, spulciandola e costruendo intorno a ciò che era nebuloso teorie per renderla chiara. Tutto molto figo e misterioso se non fosse che col tempo sono subentrati fattori non da poco, primo su tutti la cautela. Questa cosa molto bella e intelligente ha fatto si che non finissi per impantanarmi nel mio stesso gomitolo di ipotesi e supposizioni, supportata da tutta una serie di tricks imparati durante le lezioni di Logica e Teoria del Linguaggio (Dio ti benedica Prof. Paternoster). Sebbene la sparata visionaria c'abbia preso in più occasioni, fermarsi e valutare con cautela quanto sia fattibile quello che si scrive e si ipotizza ha permesso di prenderci ancora meglio. Da qui la mia attuale riluttanza a gettarmi nel mindfuck spassionato. Una scelta che ha deluso chi ne bramava ancora un po' e una scelta che ha fatto la fortuna di chi ha ancora voglia di dedicare tempo a un esercizio così deleterio (del perché sia deleterio ci arrivo ora, aspè). E niente, quindi fondamentalmente come fan sono più cauto, lo sono certamente più della fascia di utenza del '95 che ha scoperto e amato la saga in fase adolescenziale. Fascia di giovani fans che tra l'altro domina l'attuale fan-base e che certamente richiede meno sforzo per essere accontentata. Quindi oltre che cauto sono anche più difficile da accontentare. Ma è solo questo il fatto? Da qui la seconda conclusione

Conclusione 2: AC, inteso come saga, è cambiato
Non so quanti di voi si possano rispecchiare nella situazione qui sopra ma posso dirvi con serenità di stare tranquilli: non è solo "colpa" vostra.
Avrei potuto evitare la prima parte di questo post semplicemente postando l'immagine che segue e lasciando l'onere di tirare le somme a voi lettori, ma mi piace scrivere e quindi dedichiamo un po' di tempo anche a questa cosa, che merita.
Il 25 febbraio di questo anno è stata una data importante, almeno per me. No, non è stato rilasciato alcun cinematic sensazionale in quel periodo, nessuna immagine leakata. Il caso di quel giorno fu su twitter, un post tagliente ed illuminante.

Cosa accade quando una serie basata su cospirazioni storiche crea una fan-base di teorizzatori che DEVONO sapere la verità? Caos!
In questo Tweet è racchiusa l'essenza di tutto. Fortunatamente Darby ci fa il piacere di non lasciare questa domanda senza una risposta, altrimenti è probabile che qualcuno si sarebbe messo a teorizzare pure su quello. Sebbene anche all'interno del team delle Verità vi siano pareri discordanti sul come reagire a un simile commento (il nostro Snake per esempio è incazzato come una faina) tutti concordiamo sul fatto che la saga è chiaramente cambiata. In meglio o in peggio lo si lascia al proprio gusto. Dal mio canto non mi sento di rimproverare Darby per questo commento, dove scorgo una velata esasperazione. Esasperazione nata dal non poter mandare avanti una trama senza che la fan-base (perlomeno quella fetta che non compra il gioco solo per affettare gente in un'epoca storica di cui non leggerà neanche una pagina spenta la console) faccia notare incongruenze, imprecisioni, retcon o ponga altre domande superflue. C'è del romanticismo in tutto questo, nel sento letterario (non letterale) del termine: se da una parte infatti c'è la produzione del gioco che ha creato una fan-base di mostri (che è la ragione per la quale Snake è incazzato come una faina. Lui giustamente dice "mi hai reso tu così, ora beccati le conseguenze.") dall'altra ci siamo noi che non abbiamo filtri di sorta. Bisognerebbe delle volte fermarsi e godere della trama così com'è senza sbirciare troppo spesso nel retroscena, che altrimenti rischiamo di scoprire anche cose che non ci piacciono.
Non tutto insomma deve avere una risposta e se ce l'ha solitamente è quella più semplice. E si ritorna ai mindfuck, dove è bene farli solo se ne vale la pena. Se l'obbiettivo è quello di comprendere la trama e dunque semplificarla, vien da sé che il mindfuck è uno strumento controproducente e che necessita di essere dosato. Qui però si sta ancora parlando di persone e non di saga. La saga è cambiata? Si. Per le scelte di mercato? Anche. Tuttavia credo che gran parte del cambiamento sia dovuto a un semplice fattore: la mancanza di una linea costante nella stesura della sceneggiatura. Troppe penne a scrivere sullo stesso foglio hanno comportato la creazione di un dedalo narrativo troppo complesso che è stato via via sfoltito. Tra gli elementi sacrificabili vi erano anche i messaggi di senso profondo che inizialmente punteggiavano la saga, scomparsi progressivamente dal 2010 in poi. Il motivo è che non sono questi a fare grande la saga e a dimostrarlo è il fatto che in questo momento abbiamo storie belle, alcune anche molto toccanti (si veda Connor e la sua tradita visione di un mondo più giusto, ma anche l'epilogo delle avventure di Ezio, a oggi uno dei migliori finali di sempre per me) ma che non hanno quel qualcosa di controtendenza che avevano i primi capitoli. Quel qualcosa è quello per cui conta davvero fottersi la mente. Perderci il sonno a riflettere. Tutto il resto è Caos.

Questo punto di non ritorno ha creato tuttavia nuove possibilità, le stesse di cui vi ho accennato con l'annuncio della nostra presenza nel programma Ambassador. Ad essere sincero, credevamo di poter rimodernare le cose in maniera più rapida, ma questo cambiamento effettivamente è parecchio significativo per il progetto e certamente richiede tempo. Ci stiamo lavorando, quindi fino a prova contraria, il "silenzio mediatico" del blog è semplicemente silenzio. Vogliamo creare qualcosa di diverso.

Salute e Pace. Linea allo studio.

16 commenti:

  1. Aveva ragione Al Mualim quando diceva che "colui che accresce la conoscenza, accresce il dolore".
    Sempre con voi,non demordete!!!!!

    RispondiElimina
  2. Io ho scoperto questo blog verso il 2009 per un solo motivo.
    La voglia di capire perché inserire in un videogame tutte quelle stranezze collegate al mondo reale.
    Ore e ore passate a leggere informazioni in giro per la rete. Poi un giorno ho trovato il blog. e stato bello trovare una comunità di persone che cercavano di capire le cose che c'erano dietro la saga.
    Il fatto e che ormai non c'è più niente dietro la saga. Solo un accoltellarsi e smembrarsi in epoche antiche

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Verissimo. Quello che ci fece appassionare ed avvicinare anche a blog come quello della verità, erano le curiosità, gli enigmi e connessioni alla realtà dietro al gioco stesso. Una ricerca, un dialogo tra sviluppatori\scrittori e giocatori. Era una vera e propria esperienza unica. Oggi non è rimasto nulla, se non andare a eliminare bersagli a caso, il tutto mosso da trame slegate tra un gioco e l'altro, e fini a se stesse. Non era questo lo spirito della saga. E se pensiamo che originariamente era una trilogia, si capisce quanto sia stata snaturata la storia. Un racconto epico diventa tale perchè ha un inizio ed anche una fine. Con tutto ciò che ne consegue.

      Elimina
  3. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  4. Le persone cambiano costantemente, quindi non dovrebbero sorprese che dopo un po' di tempo cambiano il modo di vedere le cose. Più di una volta ho visto la "passione" verso qualcosa scemarsi fino anche a scomparire, anche se mi ha accompagnato per mezza decade o oltre.

    Inoltre se quel qualcosa perde l'aspetto per cui hai sviluppato la "passione" è molto più naturale che tu perda interesse per essa. Nel mio caso in una situazione del genere io passo un periodo intermedio in cui vai avanti per inerzia ma non te ne accorgi finché non succede qualcosa che te lo fa notare e decidi di fare altro.

    Quindi se senti il bisogno di passare a qualcos'altro, sentiti libero di farlo. Lo so che a molti dispiace lasciare certe cose sopratutto a causa del tempo dedicato e delle esperienze avvenute durante quel periodo, ma penso che se non senti più l'impulso di farlo allora direi di lasciare e provare qualcos'altro.

    Questa è la mia opinione, ma naturalmente ognuno è libero di fare quel che vuole :P
    Salute e Pace, Alessandro

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetta, non hai capito il senso del discorso. Qui non si tratta di passione che va scemando, ma di cambiare approccio nel modo in cui la si vive.
      Ora come ora analizzare la trama nello stesso modo in cui si faceva fino a qualche tempo fa (secondo me ovviamente) serve poco e occorre pertanto avvicinare questo interesse da un'altra prospettiva.

      Elimina
    2. Sono contento di sentirtelo dire, coso.
      Mi avevi preoccupato con il tuo "No, non ancora" XD. Fortunatamente mi sono preoccupato per niente :)

      Elimina
  5. Il non ancora è lecito, non possiamo mica rimanere qui all'infinito dopotutto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Su questo non ci sono dubbi, ma il "non ancora" mi aveva suggerito una qualcosa del tipo " sistemo due o tre cosette e dopo ci si vede".
      Contento di essermi sbagliato: apprezzo la cura impiegata per scrivere gli articoli e sopratutto le frecciatine dei livestream :D

      Elimina
  6. Arno che salva una donna Templare dal boia, sento puzza di alleanza Templari-Assassini contro Giunone nel presente.

    by mIrPaX

    RispondiElimina
  7. Assassin's Creed Rogue.
    Finalmente impersoneremo un vero e proprio Templare sulle tracce dei suoi ex-confratelli Assassini.
    Pronti a saltare la barricata e braccare i nostri cari Assassini?

    by mIrPaX

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea pare molto interessante. Io sono curioso a riguardo. Staremo a vedere

      Elimina
  8. Guardate la fine di questo video
    https://www.youtube.com/watch?v=cOJ1fG7gc2U

    Sembra proprio che gli Assassini finalmente torneranno ad essere ben organizzati rispetto alla deriva che la confraternita avevano preso negli ultimi giochi.
    Hype a mille.

    by mIrPaX

    RispondiElimina
  9. Io credo che "la semplificazione" e la riduzione dei contenuti "nascosti" sia imputabile anche al semplice andare avanti della saga, con l'introduzione di sempre più elementi. In un mondo dettagliato è impossibile darsi alla speculazione. Ma insomma, non credo sia colpa dei fan. Semplicemente, man mano il quadro si arricchisce, inevitabilmente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A si, sono Renato (o Reny) Raia.

      Elimina
    2. Dicendo che è impossibile darsi alla speculazione in un mondo dettagliato sintetizzi un grande concetto. Quel che comunque intendo con "la colpa" dei fan è il non riuscire a fruire dell'intrattenimento della Saga e di quello che ti racconta senza necessariamente porsi domanda su ogni minimo particolare. E' perfettamente lecito porsi dei quesiti, ma dipende da quali e in che misura. Spesso si eccede, e quando si eccede il risultato è il caos che cita Darby.

      Elimina